Salute a casa: soluzione di monitoraggio remoto per pazienti cronici o Covid-19


Nello scenario attuale, con la pandemia Coronavirus da contrastare e un’attenzione da mantenere costante sui pazienti cronici, se da un lato emerge l’esigenza di un governo centralizzato dei processi, dall’altro è evidente la necessità di un utilizzo diffuso di servizi online per monitorare i pazienti da remoto (con o senza sintomi Covid-19).

Nel rispetto delle restrizioni #iorestoacasa, infatti, il telemonitoraggio e il tele-triage a distanza salvaguardano dal rischio di contagio sia i sanitari, sia i pazienti che dovessero recarsi al Pronto Soccorso.

Telemonitoraggio - teleassistenza - monitoraggio remoto dei pazienti

Una piattaforma multicanale per gestire le interazioni tra sanità e assistiti

Basato sulla piattaforma multicanale Sm@rtHealth® di I-Tel, “Salute a casa” è un ecosistema digitale di servizi per la prevenzione, l’assistenza e la cura degli assistiti.

L’utilizzo esteso di tecnologie della comunicazione fra paziente e operatori sanitari, infatti, favorisce la continuità assistenziale, l’intensificazione del follow-up e il coinvolgimento attivo dell’assistito e dei suoi familiari.

Sono tante le esigenze che soluzioni multicanale come “Salute a casa” riescono a soddisfare:

  • prendere in carico i cittadini che necessitano di assistenza
  • supportare i care manager nella definizione di piani assistenziali e nella loro programmazione
  • interagire con i cittadini attraverso diverse tecnologie (audio-video, SMS, telefono, chatbot, app)
  • rilevare i dati della salute dei cittadini, anche attraverso dispositivi medici
  • supportare gli operatori sanitari che operano presso il domicilio del paziente (Assistenza Domiciliare Integrata – ADI)
  • realizzare una centrale operativa per gestire e monitorare lo stato di salute dei cittadini

La piattaforma multicanale Sm@rtHealth®, oltre a soddisfare l’erogazione della applicazioni nelle varie canalità di comunicazione oggi presenti sul mercato, risulta particolarmente flessibile.

Infatti, permette l’integrazione sia di apparecchiature elettromedicali o sensori (integrazione IoT) sia, al contempo, di applicazioni terze che ne arricchiscono le funzionalità erogabili. La soluzione non è legata a specifiche apparecchiature ma ne integra i dati via bluetooth.

Tutti i dati del paziente, inoltre, sono concentrati in un unico repository.

Telemedicina - telemonitoraggio pazienti - dashboard dati paziente

L’e-Health per migliorare presa in carico, appropriatezza e personalizzazione delle cure

L’e-Health permette di governare il percorso clinico dell’assistito e coordinare, mettendole in connessione, diverse strutture e figure professionali. Ciò al fine di migliorare la presa in carico del paziente, l’appropriatezza delle prestazioni e la personalizzazione della cura.
Le tecnologie digitali, infatti, realizzano ecosistemi integrati che gestiscono con certezza e rigore il governo centrale dei dati e con altrettanta efficacia il monitoraggio degli assistiti più fragili (con o senza sintomi Covid-19), da mantenere possibilmente lontani dai Pronto Soccorso.

I vantaggi dell’assistenza da remoto

La soluzione “Salute a casa”, con il telemonitoraggio del paziente e l’interazione multicanale con il team di cura, genera ricadute positive su tutti (pazienti, realtà sanitarie, personale specialistico) e riduce il ricorso alle strutture ospedaliere.

L’assidua vicinanza all’assitito e il filo diretto paziente/personale specializzato (h24, 7/7, via app, chat, video call, voce, telefono), motivano la persona a seguire il piano terapeutico. Nonostante le difficoltà iniziali di apprendimento, infatti, il paziente percepisce il percorso di cura come fondamentale per la gestione del proprio stato di salute e si sente assistito come se fosse in ospedale.

Salute a casa - Smarthealth - app per gli assistiti e per gli operatori

Una soluzione per digitalizzare i Percorsi Diagnostico-Terapeutici Assistenziali (PDTA)

Il percorso di cura, o percorso diagnostico-terapeutico assistenziale (PDTA), è un piano multidisciplinare e multiprofessionale, elaborato per una specifica categoria di pazienti. Identifica la sequenza di azioni e attività volte a massimizzare l’efficacia delle cure in uno specifico contesto locale.

Digitalizzare i PDTA con soluzioni quali “Salute a casa”, in particolare, permette di:

  • migliorare l’accessibilità ai servizi e i tempi di attesa
  • ridurre le variabilità dei comportamenti e favorire il coordinamento delle strutture organizzative
  • supportare la pianificazione ed esecuzione delle attività (esami, visite specialistiche, somministrazioni)
  • ottimizzare e monitorare i livelli di qualità delle cure, grazie a indicatori di processo/esito e a sistemi di raccolta/analisi dei dati
  • ridurre il rischio associato a errore umano
  • migliorare gli aspetti informativi e comunicativi con i pazienti

Una piattaforma conforme al Codice per l’Amministrazione Digitale e alle norme vigenti

“Salute a casa” è una soluzione conforme al CAD (Codice per l’Amministrazione Digitale), alle raccomandazioni dell’Istituto Superiore di Sanità e alle Linee di indirizzo organizzative dei servizi ospedalieri e territoriali in corso d’emergenza Covid-19, emanate dal Ministero della Salute il 25 marzo 2020.

In particolare, con riferimento alle regole di sorveglianza sanitaria attiva e ai flussi informativi da e verso i MMG, PLS, MCA e al monitoraggio degli ospiti presenti nelle RSA (residenze sanitarie assistite).