Nuova Partnership I-Tel & GLW per curare il dolore cronico grazie all’e-Health.


Il dolore cronico è una vera e propria malattia, che perdura anche dopo la scomparsa della patologia che l’ha generato. La cosiddetta “sofferenza inutile” colpisce il 23% degli italiani. Dopo Norvegia e Belgio siamo al terzo posto in Europa, eppure sono ancora poche in Italia le strutture pubbliche che oggi riescono a rispondere in tempi rapidi ai 13 milioni di italiani affetti da dolore cronico.

115 stanze tecnologiche entro il 2016 in tutta Italia per una Telemedicina del dolore cronico.

I-Tel Srl e Giovanni Leonardis Welfare (GLW) Srl hanno deciso di realizzare insieme un progetto innovativo: creare una rete di stanze tecnologiche su scala nazionale volta a favorire, attraverso la Telemedicina e l’e-Health, un approccio scientifico e terapeutico nel trattamento del dolore cronico. Grazie alla raccolta dei dati clinici mediante un sistema IT avanzato, il progetto ha anche lo scopo di favorire lo sviluppo della ricerca scientifica.

In questo articolo uscito su Cor.Com. il 28 gennaio 2016, Domenico Mezzapesa, Amministratore Delegato di I-Tel, ha spiegato:
Metteremo a disposizione la nostra esperienza nell’e-health. Crediamo che sia un progetto con un alto potenziale imprenditoriale e per questo abbiamo deciso di investirci. Il nostro intento è arricchire l’attività di telemedicina e quindi di monitoraggio dei pazienti affetti da dolore cronico codificando le informazioni e organizzarle in modo efficiente per permetterne anche uno studio di carattere scientifico”.

Il nostro network di stanze del dolore seguirà una logica simile a quella del franchising – ha spiegato Alberto Leonardis, imprenditore che ha lanciato la GLW -. Vogliamo rispondere ad una domanda in crescita che il settore pubblico non riesce a fronteggiare con tempismo: per una prima visita di risposta ad un dolore cronico possono essere necessari dai 2 mesi al Nord fino a 1 anno nel Sud”.

Leggi l’articolo completo per conoscere maggiori dettagli sul Progetto:

 

Cor.com2